Marocco Deserto e Checfhaouen

Marocco Deserto e Checfhaouen

dal 02 al 09 marzo 2020

Il Marocco è una terra ricca di bellezze naturali e posti indimenticabili che sono al contempo affascinanti da visitare ed intriganti da esplorare

I° GIORNO:  MANTOVA-BERGAMO -MARRAKECH

Visita della città con guida, al palazzo della Bahia, ovvero della ‘’bella’’, soprannome della favorita, ricca dimora del visir Ba Ahmed, costruita intorno al 1880 e da qui al palazzo Dar Si-Said, residenza anch’essa splendida del fratello del Visir. Vicino a questi due palazzi si potrà vedere l’esterno della moschea El-Mansour, detta anche moschea della casba, facilmente riconoscibile grazie al suo minareto con arabeschi color turchese. Si prosegue poi con la visita alle Tombe Saadiane, il cui giardino apparteneva alla moschea El-Mansour, che custodisce i sepolcri dei sovrani e familiari di questa dinastia, Piazza Jamaa el-Fna con i suoi caratteristici venditori ambulanti, che garantiscono uno spettacolo continuo, chiromanti, incantatori di serpenti, gruppetti musicali, portatori d’acqua, tatuatori.

2° GIORNO: MARRAKECH

Prima colazione in Riad. Giornata a disposizione dei Sigg Partecipanti per visite e o escursioni individuali.

3° GIORNO: KASBAH AIT BEN HADDOU – VALLE DEL DADES

Ouarzazate attraversando le montagne dell’Alto Atlante di Tizi n’Tichka, posto a 2.260m di altitudine, dove si può godere di paesaggi mozzafiato,  soste per scattare foto ai villaggi berberi che si fondono con il colore della terra. Si prosegue il viaggio per raggiungere il villaggio fortificato di Ait Ben Haddou, dove è prevista la visita alla famosa Kasbah (dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1986). In questo ambiente spettacolare sono stati girati diversi film famosi come Il Gladiatore, Obelix, Sahara con Penélope Cruz,e molti altri ancora. Pranzo libero a Ouarzazate, conosciuta anche come la Porta del deserto. Si prosegue  per la Valle delle Rose attraverso il grande palmeto di Skoura, con oltre 700 palme e la grande concentrazione di kasbah che si diffondono in tutta l’oasi e nei suoi dintorni. La Valle delle Rose, come il suo nome indica è un bel posto dove crescono le rose più belle, utilizzate per la creazione di cosmetici come ad esempio l’acqua di rose, prodotto molto apprezzato.

4° GIORNO: GOLE DI DADES – GOLE DI TODRA – MERZOUGA

La Valle del Dades, le Gole del Todra.  Le montagne qui sono le più apprezzate dagli appassionati di arrampicata difatti le falesie del Todra e del Dades sono tra le più conosciute e più impressionanti del Marocco. Pranzo libero e proseguimento per  Merzouga, escursione con  i cammelli  nel cuore del deserto per poter godere di un indimenticabile tramonto. Una volta visto il tramonto, si prosegue il viaggio per raggiungere il campo tendato.

5° GIORNO: MERZOUGA – FEZ

Sveglia  per guardare un’indimenticabile alba fra le dune.  Prima colazione e partenza verso il nord del Marocco attraversando il palmeto di Tafilalet uno dei più grandi palmeti del mondo, grazie ai suoi 20 km di palme. Sosta alla valle di Ziz e visita all villaggio di Aoufous e a

Midelt, situata nel cuore del Medio Atlante. Pranzo libero. Proseguimento del viaggio attraverso la foresta di cedri Azrou, e Ifrane, situato sul lato nord-ovest del Medio Atlante, a 1.630mt s.l.m. L’ampiezza delle sue strade, il suo sviluppo urbano, la sua architettura, è tipica di una città alpina, che fa sentire Ifrane fuori luogo in Marocco e proprio per questo viene chiamata “La Svizzera del Marocco”.  Arrivo a Fes alle ore 18h00 circa. Cena pernottamento in Riad 

6° GIORNO: LA VISITA DI FES -CHEFCHAOUEN 

Prima colazione in riad e visita della città vecchia di Fes (Fes el-Bali) e della sua medina, la più grande e conosciuta di tutto il mondo arabo. Visita alla porta di Bab Boujloud, a Dar Batha, una costruzione ispano-moresca che ospita un bel museo dell’arte popolare, a la madrasa Bou Inania, la scuola coranica di Fes. La visita della città continua poi attraverso la conceria Chouara, la moschea di Qaraouiyine, fondata nel IX secolo da una donna., piazza Seffarine, dove ottonai e calderai popolano piazza e vie adiacenti. Pranzo libero e partenza per CHEFCHAOUEN con  soste lungo il percorso. Arrivo in serata a Chefchaouen.  Cena e pernottamento in riad.

7° GIORNO: CHEFCHAOUEN-MEKNES

Prima colazione e visita della citta  di Chefchoauen La città fu fondata nel 1471. La sua popolazione originaria era composta principalmente da esiliati andalusi, tanto musulmani quanto ebrei, per questo motivo la parte antica della città ha un aspetto molto simile a quella dei paesi andalusi, con piccole vie dal tracciato irregolare. Chaouen si adagia su di una piccola valle. La parte più antica della città cresce verso l’alto della montagna, e nel punto più alto si trovano le sorgenti di Ras al-Ma. Il centro della città è la piazza di Uta al-Hamman, dove si trova la fortezza e una moschea con torre di base ottagonale. La città fu durante secoli considerata come una città sacra, dove era proibita l’entrata agli stranieri.  Chaouen fu una delle principali basi dell’esercito spagnolo, e in questa città si alzò l’ultima bandiera spagnola nel 1956. Come in altre città che facevano parte del protettorato spagnolo, gran parte dei suoi abitanti parla la lingua spagnola. Pranzo libero e partenza per Volubilis: le rovine di questa città ci parlano di un antico passato che lascia ancora oggi dei segni dell’antico impero romano.  In serata arrivo a Meknes, cena e pernottamento in riad

8° GIORNO:  MEKNES

Prima colazione e visita con guida di  Meknes, capitale ismaelina, che fu la più piccola città imperiale, è circondata da imponenti mura ed è attraversata dal fiume Oued Bouferkrane. Visita alla porta di Bab Mansour, i suoi palazzi antichi e il quartiere ebraico. Pranzo libero e partenza per l’aeroporto di Fes. Disbrigo delle formalità d’imbarcoe partenza con volo Ryanair per Bergamo. Arrivo nella tarda serata e trasferimento in pullman a Mantova.

Torna in alto